GIOSETTA FIORONI  L’AMOROSA INCHIESTA-OMAGGIO ALL’ORLANDO FURIOSO

Autore: GIOSETTA FIORONI
Collezione: Qui arte contemporanea
Tecnica: serigrafia e collage
Dimensioni: 100x100cm
Tiratura: 60 numeri arabi + X numeri romani
Anno: 2016

Per i Cinquecento anni del poema di Ludovico Ariosto Giosetta Fioroni ha realizzato la serigrafia scegliendo uno dei canti iniziali del poema, il IX, 7. In Omaggio all’Orlando Furioso, la bella Angelica si affaccia da un teatrino appena tratteggiato al centro della composizione, quale primo moto all’origine della catena di cause ed effetti che rendono la trama del poema complessa e articolata. Con la sua fuga dall’accampamento di Carlo Magno alle porte di Parigi, inseguita dai valorosi cavalieri cristiani e saraceni innamorati di lei, incomincia l’Orlando furioso. Giosetta Fioroni ha fatto della «forma» del teatro un’icona della sua lunga carriera artistica. Di ceramica, di legno, di carta dipinta, in video, la mise-en-scène è il centro della sua fantasia creativa. Intorno al teatrino con stile coloratissimo e pop l’artista crea una cornice con il corteo dei ritratti dei protagonisti: Orlando, Ruggiero, Mandricardo, Astolfo, Bradamante e Rodomonte, i cavalieri dai magici cimieri alternati ai simboli iconici del suo vocabolario, si inseguono in una danza incantata. L’opera è realizzata nel laboratorio serigrafico dove Alberto Ruffo con cinquantatrè passaggi di colore ha seguito le sfumature e gli spruzzi sovrapposti delle vernici fluorescenti tipiche dell’arte di Fioroni di questo ultimo decennio.

Making of "L'amorosa Inchiesta", serigrafia di Giosetta Fioroni per l'Orlando Furioso

Stampa

La stampa in ambito artistico è una tecnica con la quale vengono create e moltiplicate opere d’arte mediante l’utilizzo di matrici incise. Molto vario è il mondo delle tecniche di incisione che si definiscono per il materiale della matrice: incisioni calcografiche (acquaforte, acquatinta, ceramolle ecc.), xilografie, litografie, serigrafie. E la stampa fine art. Oggi le tecniche incisorie non sono affatto cambiate: venuta meno la loro stretta funzione di “moltiplicatori d’immagine” in seguito all’avvento della fotografia, continuano a essere un mezzo espressivo d’elezione per molti artisti. Lo stampatore ricopre un ruolo fondamentale interpretando il segno artistico con la sensibilità dell’artigiano.

Scopri il mestiere dell'arte
GIOSETTA FIORONI

GIOSETTA FIORONI

Giosetta Fioroni nasce la vigilia di Natale del 1932 a Roma, da un padre scultore e una madre pittrice e marionettista. L’ambiente familiare avrà un ruolo fondamentale nella sua carriera d’artista, come lei stessa afferma. Negli anni Cinquanta Giosetta è iscritta all’Accademia di Belle Arti dove segue i corsi di Toti Scialoja. Già nel 1955 partecipa alla Quadriennale di Roma e l’anno seguente alla XXVIII edizione della Biennale di Venezia. Nel 1957 viene presentata da Emilio Vedova con la sua prima personale alla Galleria Montenapoleone di Milano. Tra il 1959 e 1963 vive a Parigi, dove ha l’opportunità di esporre le sue opere e incontrare scrittori e artisti come Yves Klein, Pierre Klossowski, Jim Dine e tanti altri. Lavora per ... Scopri l'artista

Altre opere dell'artista

Ti potrebbe interessare anche