Nicola Vinci  LATTE E POLLINE

Autore: Nicola Vinci
Collezione: Arte prêt-à-porter
Tecnica: fotografia
Dimensioni: cm 15x15
Tiratura: 125+X
Anno: 2012
Progetto: Inquadro

Latte e Polline fa parte del progetto artistico ispirato a Ofelia, l’eroina shakespeariana la cui morte per amore diventa il manifesto estetico romantico. I temi dell’amore, della paura, della vita, della morte e della rinascita affiorano negli scatti di Vinci che interpreta metaforicamente l’iconografia romantica della morte di Ofelia con il viso e le mani affioranti dalle acque del ruscello nel quale è annegata. Analogamente l’artista in Latte e Polline rappresenta ritratti di fiori immersi nel latte, o meglio rose che emergono parzialmente dal latte. L’immobilità e l’inerzia dell’immagine celano un’emozione profonda e la ricerca per il lato più oscuro, ansioso e problematico dell’esistenza umana. Una “vanitas” moderna. La qualità della stampa digitale Fine Art conferisce una consistenza tangibile all’opera. La stampa Fine art è una stampa a getto d’inchiostro che con inchiostri speciali (fino a 12 pigmenti) riproduce tutta la gamma tonale, e conserva i dettagli nelle ombre e nelle luci. Latte e Polline è stampato su carta Hahnemühle Photo Rag® gr 308 da Fine Art Printed, Roma.

I nuovi mestieri

C’è sempre l’artigiano, c’è sempre un saper fare, ma nei Nuovi mestieri dell’arte c’è soprattutto la tecnologia. All’inizio c’è la fotografia, un’espressione dell’arte che si è lanciata verso il futuro. Poi la tecnologia digitale quando parliamo di tecniche di acquisizione di immagine con sofisticati scanner 3D, che preludono per esempio a tradizionali fusioni in bronzo, o tecnologia di nuovi materiali quando la “fusione” è realizzata con una speciale resina mista a polvere di marmo a imitare il nobile e naturale materiale.

Scopri il mestiere dell'arte
Nicola Vinci

Nicola Vinci

Nicola Vinci classe 1975, diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Bari nel 2001, vive a Verona dove insegna e coltiva la sua innata passione per l’arte in genere e per la fotografia in particolare. Vinci ha all’attivo numerose mostre sia collettive che personali. In particolare vanno ricordate l’esposizione personale Costruire des histories a Genova nel 2012, Transfert presso la galleria Emmeotto di Roma nel 2010 e Moonlight del 2007 a Città del Capo (Sud Africa) che gli ha dato anche l’opportunità di conoscere un mondo nuovo e diverso da quello italiano ed europeo e gli ha permesso di fotografare i bambini disagiati del Sud Africa. Oggi lavora in esclusiva per la IAGA International Art Gallery Angels di Cluj-Napoca (Romania). Scopri l'artista

Ti potrebbe interessare anche